Garantisce velocità di consultazione e alto tasso di coinvolgimento, ecco perchè si erge tra i social più celebri. Ecco qualche consiglio per potenziare il proprio profilo Twitter

Il mondo dei social network si evolve, con esso anche Twitter. Sebbene si parli tanto di Facebook, non esiste solo lui bensì anche Twitter, che dal 2005 si contende il primato di social più utilizzato insieme al gigante blu e Instagram. Presenta tuttavia un utilizzo completamente differente, che punta sulla velocità e sull’immediatezza, di consultazione così come di interazione e di condivisione. Non per questo va sottovalutato, perchè se utilizzato con correttezza e assiduità un profilo Twitter può dare davvero grandi risultati.

Twitter è un social veloce e performante, specialmente da mobile

La settimana scorsa abbiamo parlato di come migliorare la presenza su Instagram, oggi invece vogliamo spiegarti come potenziare la tua presenza su Twitter. Partiamo proprio dall’inizio con qualche consiglio pratico:

Scrivi una buona bio

La prima impressione, come si suol dire, è quella che conta. Ergo, facciamo contare le prime cose! La biografia del tuo profilo Twitter è un biglietto da visita iniziale, un’anteprima a ciò che presenterai. A seconda del tuo utilizzo, fai capire ai tuoi follower chi sei e ciò che fai. Hai a disposizione 160 caratteri per scrivere qualcosa di esaustivo e senza fronzoli. Utilizza anche qualche hashtag pertinente al tuo settore professionale o le tue passioni (non esagerare!) e un link, così da convogliare traffico verso un’altra tua fonte e mostrare più affidabilità. Attenzione a cosa scrivi però quando lavori con un profilo aziendale altrui: informati sempre e chiedi conferma prima di procedere.

Inserisci la foto profilo

Se la bio è la prima cosa che viene letta, la foto profilo è la prima cosa che viene vista. E’ quindi estremamente importante che riconduca subito alla tua identità o alla tua azienda. Una foto personale, un primo piano professionale o in cui sorridi o, se si tratta di un’azienda, l’ipotesi migliore è il logo aziendale. Occhio all’immagine che scegli, è una di quelle cose che possono decretare il successo o il fallimento del tuo profilo (le foto della festa in cui sei ubriaco tienile per te!)

Inserisci l’immagine dell’intestazione

Utile a migliorare l’armonia estetica del profilo, l’intestazione presenta un’immagine larga (con dimensioni 1500×500 pixel). Se il tuo profilo Twitter è per te come persona, scegli un’immagine che ti rappresenti o a cui sei affezionato buonsenso permettendo, se invece è per un’azienda l’ideale è un’immagine con testi e informazioni, oppure uno slogan aziendale. Evita, in ogni modo, di inserire la stessa immagine sia per riquadro profilo che per intestazione.

Scegli il colore del profilo

Spesso sottovalutato, serve a creare maggiore coerenza tra gli elementi visivi. Il colore scelto non si applica solo su elementi personali, bensì anche su tutti gli elementi in evidenza anche nel tuo feed, come link e hashtag. Il consiglio? Adotta un colore che sia in linea con te e con la natura dell’azienda per cui curi la presenza Twitter.

Segui profili interessanti e pertinenti

Una delle prime cose che Twitter ti permette di fare è seguire altri profili. Scegli chi seguire con saggezza, tra nomi influenti, personaggi famosi o realtà che già conosci altrove. Trova i tuoi ispiratori, purchè siano interessanti e pertinenti alla tua attività. Evita di seguire chiunque solo per essere seguito, una buona schiera di profili seguiti ti darà anche un buon feed non appena entri su Twitter.

Twitta e ritwitta regolarmente

Qualsivoglia sia l’utilizzo del profilo Twitter, è regola d’oro essere costanti. Un flusso costante di tweet e retweet mostra un’attività stabile, che diventa più credibile quando presenti contenuti di valore, che siano essi tuoi o condivisi. Dai vita ad una sorta di rubrica, un appuntamento periodico. Se ritwitti qualcosa, aggiungi qualcosa anche di tuo. Come detto in altra occasione, NON essere egoista! Inizialmente, il divario tra i profili seguiti e quelli che ti seguono sarà altissimo, ma dai tempo al tempo e vedrai che, con un’attività assidua e coerente, la forbice si ridurrà e arriverà anche il giorno in cui i follower supereranno i following.

Menziona e utilizza hashtag

Le menzioni con le chioccioline, dette anche handle (@) sono importanti per dare visibilità ai contenuti tra utenti. Se condividi contenuti tuoi o altrui puoi menzionare autori o altri profili che vi siano strettamente correlati. Occhio comunque a non esagerare, non è bello ritrovarsi una gragnuola di notifiche per essere stato menzionato in cose che non interessano. L’utilizzo degli hashtag è invece estremamente importante per trovare contenuti dalla ricerca interna come fossero parole chiave. Essi veicolano determinati argomenti attraverso le parole, fungendo da contenitori. Qualora un argomento diventi particolarmente attuale, celebre o di massa, il suo hashtag va in trend topic.

Automatizza e programma, in caso di bisogno

Purtroppo, Twitter pecca nel non avere la funzione di programmazione nativa. Qualora tu sia assente o senza connessione e abbia bisogno di presentare contenuti, puoi comunque farlo grazie a tool esterni. Servizi come Tweetdeck, Postpickr o Hootsuite, permettono non solo di programmare un tweet in qualsiasi giorno e orario, ma anche di monitorare le sue prestazioni. Sii però presente ogni volta che puoi, tweet sterili e commenti non risposti sono un problema dietro l’angolo.

Consigli per migliorare il tuo profilo Twitter

In finale…

Queste le basi per iniziare a utilizzare il tuo profilo Twitter, o migliorarlo qualora ne stia già utilizzando uno. Qualora tu abbia altri consigli non esitare a scriverlo in un commento qui sotto. Per capire se hai fatto un buon lavoro solo al tempo puoi chiedere, in caso contrario sempre il tempo può aiutarti. Sei pronto?

Starlife Web Agency

Appassionato di web design, grafica web, SEO, web marketing e fotografia, divoratore compulsivo di film e serie tv, sempre pronto a nuove avventure geek